Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Osservatorio
di Pavia Media Research
La Tv nella campagna elettorale 2013
La campagna elettorale del 24-25 febbraio 2013 è già stata catalogata come una delle più televisive della storia italiana. A partire dalle primarie di novembre del Partito Democratico, con i due confronti televisivi tra i candidati sino alle ultime interviste del 23 febbraio, è stato un vero fiume di presenze in video (e non solo) di politici e opinionisti.

Tutti in video, quindi, tranne uno: Beppe Grillo. Se prendiamo in analisi i dati del pluralismo politico relativi alle presenze delle forze politiche in Rai nel periodo finale di campagna elettorale 21 gennaio-22 febbraio balza agli occhi il dato del Movimento 5 Stelle.

Su un monte ore di quasi 110 ore di presenza in video complessiva il M5S ne ha usufruito solo del 2,4% contro il 33% della coalizione guidata da Silvio Berlusconi, il 25,5% di quella guidata da Pier Luigi Bersani e il 19,7% di quella di Mario Monti. Un divario enorme non subìto ma, come è noto, deliberatamente scelto dal leader del Movimento, il quale ha vietato ai suoi seguaci di presenziare in televisione.

Grillo assente dalla televisione, quindi? Non proprio. La strategia, risultata chiaramente vincente, è stata quella di marcare una netta distanza dalle prassi consolidate di comunicazione fatte di talk show litigiosi, brevi e stereotipate dichiarazioni nei telegiornali e comparsate nei programmi di intrattenimento, per puntare tutto sulla piazza e il contatto diretto con i simpatizzanti-elettori, segnando anche fisicamente la differenza tra un «noi» (il Movimento) e un «loro» (la casta, la vecchia politica). Via via che si riempivano le piazze di Grillo, si riempivano anche i Tg delle sue provocazioni e invettive.

Un effetto eco dai risultati entusiasmanti per il Movimento. La crescita della mobilitazione non avveniva in contemporanea con l’oscuramento televisivo, ma al contrario veniva amplificata e debordava in tutto il palinsesto. Tale comunicazione, anche se soggetta a potenziali manipolazioni, visto che la selezione dei filmati da mandare in onda spettava agli inviati e ai giornalisti, è risultata semplice, immediata e coerente. Tanti slogan contro il sistema e soprattutto nessun obbligo di dovere rispondere a domande, magari articolando le proposte - spesso un po’ generiche - sulla riforma del sistema stesso.

In questo modo l’enorme domanda di cambiamento radicale, quello che non fa sconti alla vecchia classe politica, si è trovato sul piatto un messaggio pronto e facilmente consumabile: tutti a casa!

Antonio Nizzoli

© FCSF - Popoli, 1 aprile 2013