Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Idee
Cerca in Idee
 
Missione Scampia
Fabrizio Valletti
Gesuita della comunità di Scampia (Na)
Gli animatori che non ti aspetti
Di certo avviene anche per altre realtà, ma ogni anno a Scampia, durante il mese di agosto, si ripete un’esperienza doppiamente straordinaria. Da una parte, gruppi di giovani, specie scout, vengono a passare giorni di animazione e di condivisione al Centro Hurtado, con i nostri bambini, ragazzi e giovani. Dall’altra, sono i nostri a essere protagonisti di un’animazione di cui non sono consapevoli, ma che incide altrettanto profondamente nell’animo di chi viene a passare anche solo una settimana con noi.
È un insieme di ragioni che si intrecciano, ma dal racconto di chi vive questa esperienza emerge la vera spinta che porta soprattutto gli ospiti a scoprire qualcosa di nuovo. Non è tanto il profilo del nostro degrado e della camorra, ormai fin troppo pubblicizzato, ma un’umanità che emerge nella sua ricchezza a far scoprire, nella mente e nel cuore di chi viene a fare servizio, qualcosa che sembrava non esistesse o non abbastanza sperimentato.
È la coscienza che nel cuore di ciascuno c’è sete di bellezza e di sentimenti liberi e puliti. La partecipazione all’eucarestia mattutina è il punto di partenza di un’impresa che ha il sapore di una risposta alla chiamata che lo Spirito rinnova a ciascuno, l’impresa di annunciare gioia e speranza ai più piccoli, ai più poveri. Ma sono proprio i più piccoli che nel corso delle giornate sempre faticose aprono il cuore a chi, magari un po’ sazio di sapere e di altre opportunità, non poteva più scorgere nel sorriso di un bambino ciò che è essenziale.
Il gioco, i laboratori di mani abili, la gita al mare, le serate tra canti e danze: momenti magici in cui non solo si riempie il cuore di chi ha sete di affetto e di attenzione, ma si (ri)scopre nella propria vita la vecchia verità che è più bello donare che ricevere.
Poi si ritorna a casa, allo studio, alle occupazioni ordinarie, più ricchi, con la certezza che si è capaci di amare, di capire, di leggere ciò che più conta, anche in mezzo alla monnezza. Per tutti, ma soprattutto per chi vuole essere cristiano, il servizio è l’esperienza più vera di una capacità di donare che rende la gioia autentica e mai delusa.

© FCSF – Popoli, ottobre 2009