Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Idee
Cerca in Idee
 
Missione Scampia
Fabrizio Valletti
Gesuita della comunità di Scampia (Na)
La legalità non va in vacanza
Sono ormai dieci anni che il «progetto Scampia» ha vita e per alterne vicende procede con piccole iniziative, nella logica di non far rumore ma di fidarsi di un percorso alla luce della legalità e del servizio. Forse per questo clima, basato sulla concretezza delle relazioni con i giovani e le loro famiglie, siamo conosciuti al di là dell’immagine che i media hanno creato riguardo ai fatti di sangue e di droga.
Non è solo il lavoro che si sviluppa durante l’inverno a offrire opportunità di formazione e di crescita, ma sorprende come anche d’estate si allarghi l’esperienza, attraverso la richiesta di molti gruppi di giovani che desiderano venire a fare servizio, ad approfondire il loro interesse sui problemi della legalità, a dare nuovo senso alla loro scelta di fede e di impegno sociale.
Soprattutto nel mese di agosto si arriva ad accogliere più di 150 giovani, scout o appartenenti a gruppi parrocchiali, che si divertono e faticano per animare i bambini, i ragazzi e i giovani di quella zona del quartiere a cui noi gesuiti siamo chiamati a proporre una formazione religiosa, culturale e sociale.
La giornata è scandita da momenti di preghiera, di gioco, di laboratori creativi, di espressione artistica, musicale e... dalla «pizzanapoletana»! Lo stile di accoglienza è molto rude e austero, rivelando la capacità di adattamento di giovani che sanno rinunciare alla vita comoda quando il loro spirito è attirato da ciò che vale di più: l’amicizia, la gioia, la solidarietà, l’incontro con la sofferenza e la povertà.
Il momento più intenso è quello del saluto, quando vedi l’abbraccio del bambino con il suo «canguro» che a modo di «marsupio» lo ha accompagnato nel gioco, nella festa, nella gita al mare. E gli occhi sono pieni di luce e di lacrime.
Il servizio lascia traccia e i gruppi, tornati nei loro ambienti, sentono il bisogno di far conoscere quanto hanno vissuto, con veglie, feste, testimonianze di gioia e di cambiamento. Ogni anno si getta un seme nuovo, non solo nel nostro giardino di Scampia. È la meraviglia di vivere con i più piccoli e spesso dimenticati, che nel cuore hanno una ricchezza sempre da scoprire sulla scia di uno Spirito che, invisibile, non si stanca di farsi conoscere e riconoscere, quando si ama e ci si accoglie.
© FCSF – Popoli, 1 giugno 2011