Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Idee
Cerca in Idee
 
Scusate il disagio
Giacomo Poretti
del trio Aldo, Giovanni e Giacomo
Yes we can. Maybe
Siamo pronti per la grande svolta? Siamo pronti per avere un Presidente del Consiglio senegalese? Se conosco lo spirito dei miei connazionali e in particolare l’invidia che li anima verso gli Stati Uniti, comprendo che, in piccolo (da italiani appunto), stiamo ripercorrendo la strada che porterà un nero a Palazzo Chigi. Con qualche differenza.
Loro, i nostri maestri Americani, avevano istituito scuole differenti per bianchi e neri: noi, più umilmente, abbiamo escogitato le classi «differenziate» per immigrati. Loro, negli States, non facevano salire i neri sugli autobus o al massimo li facevano sedere in fondo: noi, più elegantemente, ci limitiamo a pulire con l’alcool il sedile dove si sono seduti. Gli Americani, quando avevano bisogno di lavoratori abbronzati, li andavano a prendere con i galeoni a casa loro e li schiavizzavano per raccogliere il cotone: noi li attiriamo sulle nostre spiagge con i gommoni e una volta raccolti i pomodori gli diciamo che la vacanza è finita. Loro hanno l’ambitissima Green card, noi il permesso di soggiorno a punti.
Forse non avremo mai la grandezza tragica e la disinvoltura degli Americani. So già come andrà a finire: in campagna elettorale il candidato a Presidente del Consiglio sarà un nero, ma poi, una volta vinte le elezioni, a Palazzo Chigi ci manderemo (al massimo) un meridionale di Casoria. A noi manca il coraggio degli Americani.

© FCSF – Popoli, gennaio 2009
Tags
Aree tematiche
Aree geografiche