Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Primo piano
Cerca in Primo Piano
 
Africa, la carestia più forte dell'agricoltura
11 ottobre 2010
L’Africa è un continente agricolo. Dal settore primario arriva il 30% del Pil, il 40% delle esportazioni e l’80% dei posti di lavoro. «Il futuro dell’Africa è nell’agricoltura - spiega Federico Perotti, coordinatore dell’ufficio progetti dell’Ong torinese Cisv -. Il continente può contare su grandi ricchezze minerarie, ma sono gestite dalle élite, spesso corrotte, che le sfruttano a vantaggio loro e delle multinazionali. Quindi solo una migliore organizzazione del settore agricolo potrà portare sviluppo».
Eppure il settore primario, come dimostrano la carestia che ha colpito questa estate il Ciad e le crisi alimentari che affliggono periodicamente il continente, non è ancora in grado di assicurare la sufficienza alimentare. «L’Africa è molto grande ed è difficile generalizzare - osserva Ada Civitani dell’Acra, Ong milanese che si occupa di cooperazione in campo agricolo -. Ma se possiamo individuare un elemento comune a tutto il continente possiamo indicare lo scarto tra un’agricoltura su piccola scala a livello familiare e le politiche messe in campo degli Stati. Queste ultime, influenzate dai mercati e dalle multinazionali, tendono a favorire coltivazioni su vasta scala, meccanizzate e destinate solo all’esportazione. Pensiamo alle monocolture: cacao, cotone, caffè, arachidi».
L’agricoltura familiare è invece quella più diffusa. Secondo la Fao, infatti, l’80% delle aziende agricole ha un’estensione inferiore ai due ettari con rese per ettaro molto basse. «In Ciad - spiega Franco Martellozzo, gesuita, da anni impegnato a promuovere lo sviluppo agricolo delle comunità locali - mancano le tecniche di base. La coltivazione dei campi è ancora fatta utilizzando semplici attrezzi come la vanga e la zappa. Se solo venisse utilizzato l’aratro trainato dai buoi la produzione potrebbe addirittura triplicare. I contadini poi non conoscono l’utilizzo dei concimi che potrebbero, se impiegati correttamente, rendere il terreno ancora più fertile». Alle carenze tecniche si aggiungono quelle infrastrutturali: mancano strade, ferrovie, ponti. E questo è grave se si tiene conto che il 40% degli africani vive in Paesi che non hanno uno sbocco al mare e i costi di trasporto possono raggiungere addirittura il 77% del valore delle esportazioni. Secondo le statistiche della Fao poi solo il 3% delle terre dell’Africa sub sahariana è irrigato. A fronte di queste carenze gli Stati africani nel 2003 a Maputo avevano firmato una dichiarazione nella quale si impegnavano a investire almeno il 10% del Pil nell’agricoltura. A sette anni di distanza, solo Etiopia, Burkina Faso, Mali, Ghana, Senegal, Niger, Nigeria e Malawi hanno aumentato gli stanziamenti. «I finanziamenti pubblici sono scarsi - continua Perotti -. Ma anche le banche concedono pochi prestiti ai contadini. L’agricoltura è un’attività dai risultati talmente aleatori che nessuno rischia di prestare i soldi a un contadino».
Di fronte a questi problemi in molti Paesi i contadini hanno iniziato a riunirsi in organizzazioni per la difesa dei loro interessi. «Queste organizzazioni – spiega Ada Civitani – stanno assumendo sempre più importanza, soprattutto in Africa occidentale. Noi come Ong europee stiamo lavorando affinché le politiche agricole africane e delle grandi organizzazioni internazionali, invece di favorire le multinazionali, coinvolgano sempre di più queste organizzazioni contadine. Solo attraverso loro crediamo si possa aiutare la crescita tecnica e produttiva dell’agricoltura familiare. E con essa si possa favorire quell’autoproduzione indispensabile per arrivare all’autosufficienza alimentare».
Anche la Chiesa può svolgere un ruolo nel rilancio dell’agricoltura familiare? «La Chiesa cattolica africana – osserva padre Martellozzo – non ha ancora preso atto dell’importanza dell’agricoltura per il continente. Credo che dovrebbe invece sviluppare una teologia della creazione che aiuti i credenti a coniugare la fede con le esigenze della vita reale: la tutela delle foreste, delle risorse agricole, dell’acqua, ecc. Sono convinto che se i nostri vescovi di concentrassero su questi aspetti potrebbero offrire un grande contributo allo sviluppo del continente».
Enrico Casale
© FCSF – Popoli