Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Primo piano
Cerca in Primo Piano
 
Contro le armi, torna l’Arena della pace
30/01/2014
Numerose associazioni laiche e religiose si sono date appuntamento il 25 aprile all’Arena di Verona per una «giornata di resistenza e liberazione» e per chiedere di sostenere «il disarmo militare e la difesa civile». L’iniziativa, alla quale ha dato la propria adesione anche Popoli, si colloca nel solco delle «Arene» organizzate da Beati i costruttori di pace negli anni Novanta e Duemila. Si ricordano quella del 1991, organizzata in opposizione alla prima guerra del Golfo, e quella del 2003, l’ultima in ordine di tempo, contro l’intervento in Iraq (con l’invito a esporre alle finestre la bandiera arcobaleno della pace).

«Le Arene di pace e disarmo - ha sottolineato Alex Zanotelli, missionario comboniano, tra gli ideatori dell’iniziativa - sono un momento simbolico molto importante per tutto il movimento per la pace, che deve trovare nuovo slancio, entusiasmo, unità di intenti. Bisogna che i temi della pace e del disarmo tornino al centro dell’agenda politica del nostro Paese. I poveri non possono più accettare gli sperperi continui di fondi negli armamenti!».

Membri di associazioni (tra le quali Emmaus Italia, Articolo 21, Rete Pace, Assopace, Fiom, Banca Etica, Unione degli Universitari, Aisec, Movimento Nonviolento, Rete Disarmo, ecc.), esponenti della società civile e singole persone si riuniranno nel capoluogo scaligero per una giornata di riflessione sui temi della non violenza, del disarmo e di critica alla crescita della spesa militare in Italia (che quest’anno ha toccato i 25 miliardi di euro). Sono previsti anche momenti di spettacolo con la partecipazione di molti artisti.
Info: http://arenapacedisarmo.org

© FCSF – Popoli