Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Primo piano
Cerca in Primo Piano
 
Europa, questa sconosciuta
15 marzo 2011
Reti. Con riferimento al 2010, il dato più importante della rassegna conferma che le notizie sull’Europa trovano poco spazio nei notiziari italiani, non superando il 2% del tempo complessivo. Ma la diffusione di notizie europee varia molto da emittente a emittente, con un impegno massimo della Rai, in particolare di Rai3.

Temi. All’interno di questo 2% di notizie europee, l’ambito di maggiore interesse dei notiziari è quello dell’economia e delle finanze, cui sono dedicati 38 ore e 45 minuti. A distanza seguono gli affari istituzionali dell’Ue (8 ore e 52’) e gli affari interni degli Stati membri in relazione all’Ue (8 ore e 3’). Seguono poi i temi della giustizia, affari esteri e agricoltura. Questo dato evidenzia come l’interesse dei media verso l’Ue sia in gran parte rivolto all’Europa economica, una prospettiva ancorata alla tradizionale visione dell’Europa come «mercato comune» e come istituzione che impone «vincoli» all’azione dei governi nazionali in campo economico-finanziario.

Soggetti. Esiste la tendenza a impiegare uno stile generico nelle notizie sull’Ue, coniugato con una spiccata preponderanza alla citazione di soggetti «collettivi», a scapito di quelli «individuali» che imporrebbero una maggiore articolazione dei temi trattati. I primi quattro più citati sono soggetti collettivi: Ue, Commissione, Banca centrale, Parlamento, con un primato della Banca centrale sul Parlamento europeo e del presidente della Banca centrale, Jean-Claude Trichet, sul commissario all’Economia, Olli Rehn. Infine, nessun parlamentare compare tra i primi 15 soggetti. Tutto ciò rappresenta una tendenza che può alimentare o rafforzare la visione di un’Europa «tecnocratica», in cui le decisioni dipendono principalmente da cariche non elettive.
Emerge una grande differenza con la comunicazione della politica nazionale, dove la personalizzazione è molto forte e partiti e istituzioni tendono a essere identificati con il loro leader. Ciò costituisce un fattore di circolarità «viziosa»: se privilegiare le istituzioni è il frutto di una scarsa conoscenza, nel pubblico, dei singoli rappresentanti, è vero però che così si tende a rinforzare questa situazione, mantenendo nell’anonimato i soggetti individuali («chi è Van Rompuy?» è la domanda che circolava alla sua nomina a presidente del Consiglio dell’Unione europea).

Marginalità. Scarso peso nell’agenda dei notiziari, primato dell’Europa economica e tendenza alla spersonalizzazione sono caratteristiche cui si aggiunge un ulteriore elemento di fragilità nella comunicazione: le informazioni sull’Ue sono più spesso marginali rispetto a notizie d’interesse o ambito nazionale, di politica interna. Questo tratto sintetizza bene quanto l’Europa sia ancora lontana dall’essere pensata e descritta (nei media) come una «grande casa comune».

© FCSF – Popoli
Tags
Aree tematiche
Aree geografiche