Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Primo piano
Cerca in Primo Piano
 
La città plurale: da emergenza a risorsa
1 ottobre 2012

Uno degli eventi clou di "Milano al plurale" si svolgerà nel pomeriggio di sabato 6 ottobre, all'Auditorium San Fedele (ore 15, ingresso libero). La tavola rotonda dal titolo "La città plurale: da emergenza a risorsa" avrà infatti un ospite di eccezione: l’antropologo ed etnologo francese Marc Augé, autore di saggi tradotti in tutto il mondo, "creatore" di concetti chiave per la cultura contemporanea, come quello di "non-luogo".
Alla relazione principale di Augé seguiranno - coordinati dal sociologo Maurizio Ambrosini - gli interventi di persone portatrici di uno specifico punto di vista sulla pluralità culturale e religiosa in una grande città del terzo millennio: Maria Grazia Guida, vicesindaco di Milano, rifletterà su quello che può essere il contributo costruttivo della politica; Amara Lakhous, scrittore italo-algerino, autore del best-seller Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio, offrirà lo sguardo di un intellettuale dalle molteplici identità e appartenenze; Gianluigi Petteni, segretario generale della Cisl Lombardia, racconterà come il lavoro può diventare strumento di integrazione e di promozione dei diritti; infine, il gesuita Pietro Bovati, tra i più noti biblisti italiani, spiegherà come nella Bibbia parole come "straniero", "città", "diversità" risultano dense di significati anche per il nostro presente.
Nel corso del pomeriggio verrà proiettata una photogallery realizzata da alcuni immigrati residenti a Milano: nei mesi scorsi otto giovani di diverse nazionalità e professioni hanno svolto un corso di fotografia partecipativa promosso da Popoli in collaborazione con la web-zine Milano città aperta. Guidato dal docente del corso, hanno cercato di raccontare la "loro" Milano per immagini, da quella più intima della propria dimensione familiare alla Milano del lavoro, della festa, delle relazioni (un'anteprima della photogallery è visibile sul canale You Tube di Popoli).

La rassegna "Milano al plurale" si concluderà con una Messa alle ore 18.30 in Santa Maria della Scala in San Fedele, che vedrà la partecipazione attiva di numerose comunità etniche cattoliche presenti sul territorio milanese: tra le persone che hanno già assicurato la loro partecipazione vi sono ucraini, eritrei, filippini, ecuadoriani, salvadoregni e argentini.
La Messa, organizzata in collaborazione con l'Ufficio diocesano per la pastorale dei migranti, sarà presieduta dal gesuita Giacomo Costa, presidente della Fondazione Culturale San Fedele e direttore della rivista Aggiornamenti sociali.

© FCSF – Popoli