Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
albania
Record trovati: 19
Ieri l'ateismo di Stato, oggi il Papa: l'Albania aspetta Francesco
Domenica 21 settembre papa Francesco si recherà in Albania, per una visita lampo ma densa di significati. Il pontefice arriva in un Paese che in poco più di vent'anni è passato dalla chiusura totale al progetto di entrare nell'Unione Europea, dall'ateismo di Stato a un mosaico religioso all'insegna del pluralismo. Delle trasformazioni che hanno riguardato il Paese abbiamo parlato con due gesuiti: uno è in missione a Scutari da 14 anni, l'altro è l'unico gesuita di nazionalità albanese. (Nella foto, l'incontro fra Giovanni Paolo II e Madre Teresa, albanese, durante la visita del 1993)
Data: 
17/09/2014
Tag: 
Albania-Italia : Gioco di sponda
Fino a pochi anni fa erano tra gli immigrati più frequentemente vittime di pregiudizi, oggi sono tra i gruppi meglio integrati in Italia. Ecco come e perché è cambiata la presenza degli albanesi nel nostro Paese e quale rapporto mantengono con la madrepatria, che proprio in questi mesi festeggia il secolo di vita
Fascicolo: 
marzo 2013
Tag: 
Melting Italy/9 : Bari, l'approdo di Levante
Tra le prime città italiane a conoscere l’immigrazione di massa, Bari continua ad accogliere, non senza problemi e contraddizioni, gli stranieri. Viaggio nei quartieri multietnici e nel Cara del capoluogo pugliese
Fascicolo: 
aprile 2012
Tag: 
Italia-Albania : Il giorno in cui scoprimmo di essere l'America
Nell’agosto 1991 il Belpaese visse un evento di portata decisamente maggiore rispetto ai recenti sbarchi di profughi dalla Tunisia: l’esodo albanese verso le coste pugliesi, che ci rese di colpo consapevoli di essere un’ambita meta di immigrazione. Ricordi e retroscena di quella che fu una vera emergenza.
Fascicolo: 
agosto-settembre 2011
Tag: 
Il giorno in cui scoprimmo di essere l’America
Nell’agosto 1991 il Belpaese visse un evento di portata maggiore rispetto ai recenti sbarchi di profughi dalla Tunisia: l’esodo albanese verso le coste pugliesi, che ci rese di colpo consapevoli di essere una meta ambita. Ricordi e retroscena.

Data: 
25 luglio 2011
Tag: 
Cronologia
> 1946-1990: in Albania si instaura una repubblica popolare socialista, alleata prima  con l’Urss (fino al 1968), poi con la Cina.
> 1985: muore Enver Hoxha, il leader comunista al potere dal 1946.
> Luglio 1990: il 15 luglio arrivano in Italia i primi 4mila albanesi. Sono i giovani dissidenti riusciti a entrare nelle ambasciate occidentali e vengono ricevuti come eroi dell’anticomunismo. Soltanto 2.018 di loro rimangono in Italia, gli altri scelgono l’Europa settentrionale.
> 1991: Ramiz Alia, successore di Hoxha, concede le prime elezioni libere. Da alcuni anni il comunismo era in forte crisi.
> Febbraio 1991: la data simbolica del vero cambiamento di rotta dell’Albania è il 20 febbraio 1991, quando, in seguito a uno sciopero della fame degli studenti dell’Università di Tirana, la folla abbatte la statua di Enver Hoxha in piazza Skanderbeg. L’Albania si apre al mondo. Alla fine del mese arriva a Brindisi la Semani, la prima nave salpata dall’Albania con a bordo 17 militari e 3 civili. Nell’arco di due giorni arrivano anche due pescherecci con un totale di 32 persone.
> Marzo 1991: è il mese dell’esodo. In pochi giorni arrivano a Brindisi e nel Salento più di 22mila persone, la maggior parte delle quali il 7 marzo a bordo delle navi Tirana, Iliria, Kallmi, Mitant Danti, Kepi Rodonit, Zadri, Apollonia, Sokoli e Legend. Nel porto di Durazzo la polizia allontana con la violenza migliaia di albanesi imbarcati sulla nave Partizani, molti dei quali riescono però a prendere la Legend.
> Agosto 1991: l’8 agosto attracca a Bari il mercantile Vlora, con 17mila persone a bordo che verranno recluse nello Stadio della Vittoria e rimpatriate dopo pochi giorni.
Tag: 
Islam d'Europa
Un viaggio nel Vecchio continente per conoscere e comprendere le sfide rappresentate dalla crescente presenza di cittadini e immigrati musulmani. In questo "Speciale" trovate gli approfondimenti su Belgio, Spagna, Germania, Francia, Albania e Gran Bretagna, pubblicati su Popoli negli ultimi mesi. In una prossima "puntata" il nostro viaggio si concluderà in Italia.
Tag: 
Scontri in Albania: l’analisi dei gesuiti
Dopo i morti e i feriti nella manifestazione del 21 gennaio, organizzata dall’opposizione per chiedere le dimissioni di Berisha, è sceso di nuovo il silenzio mediatico sull’Albania. Abbiamo chiesto ai gesuiti di Tirana un’analisi della situazione.

Data: 
9 febbraio 2011
Tag: 
Parchi senza divertimento
Grazie a consistenti investimenti pubblici e privati, l’Italia si appresta a realizzare oltre Adriatico una serie di «parchi energetici e industriali». L’obiettivo è garantire elettricità ai due Paesi, ma non mancano rischi per l’ambiente. Sostegno allo sviluppo locale o strategia neocoloniale? Leggi l'articolo pubblicato sul numero di agosto-settembre 2009 di Popoli.

Data: 
30 novembre 2010
Tag: 
Albania: l’ambiguità della «porta aperta»

Al termine di una partita diplomatica giocata per due anni fra Tirana (nella foto il premier albanese Sali Berisha) e Bruxelles nel silenzio mediatico più assoluto, l’Albania ha finalmente ottenuto la tanto sospirata liberalizzazione dei visti. La popolazione è piena di aspettative, che cosa succederà dopo il 15 dicembre?
Data: 
29 novembre 2010
Tag: 
<< < | ... | 1 | 2 | ... | > >> Pagina 1 di 2
© Popoli. Tutti i diritti riservati
powered by EasyNETcms