Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
migrazioni
Record trovati: 25
Migrazioni Usa, cosa c'è dietro al boom di minori centroamericani
Mentre in Italia e in Europa si discute sulle politiche più efficaci per gestire gli sbarchi di migranti, problemi e dinamiche simili si registrano negli Stati Uniti, alle prese con un'impennata di arrivi dall'America Centrale. Con una particolarità: moltissimi tra loro sono minori non accompagnati. 

Data: 
16/7/2014
Tag: 
A bordo di Mare Nostrum
Mentre il 2014 segna il record di migranti che cercano di entrare in Europa attraverso il Mediterraneo, siamo saliti su una nave dell’operazione organizzata dal governo italiano, per incontrare storie e volti delle persone recuperate dai militari, spesso in condizioni disperate. Pubblichiamo una parte del servizio che esce sul nuovo numero di Popoli.
Data: 
10/06/2014
Tag: 
Vogliono andare in Europa,
li portano in Vietnam
Un gruppo di migranti eritrei in Israele è stato ingannato da trafficanti che li hanno portati nel Sud-Est asiatico. «La paura di essere riportati in patria - spiega Alganesch Fessaha, dell’Ong Gandhi - li ha portati a fidarsi di persone senza scrupoli. La responsabilità è della nuova legge sull’immigrazione israeliana che prevede il rimpatrio dopo un anno di carcerazione».

Nella foto, immigrati eritrei dimostrano contro le politiche migratorie di Israele
Data: 
16 aprile 2014
Tag: 
Italiani brava gente? A proposito di respingimenti in mare e diritto di asilo

Il febbraio di due anni fa non fu un gran mese per l’immagine internazionale del nostro Paese. In poche settimane si verificarono ben tre gravi episodi (...)

Data: 
24/02/2014
Tag: 
Dopo Lampedusa, cambiare adesso

L'ecatombe del 3 ottobre al largo di Lampedusa, le promesse del momento, il rischio oblio e le cose da cambiare davvero. Sono i temi dell'editoriale del numero di novembre di Popoli, in questi giorni nelle librerie e in distribuzione agli abbonati. Il numero (su carta o in pdf) è acquistabile dal sito, la versione digitale è disponibile anche per tablet.

Data: 
2 novembre 2013
Tag: 
Caro Camillo, e tu non partiresti?
Data: 
4 ottobre 2013
Tag: 
L’importante è partecipare
Il dibattito sulla riforma delle norme sull’accesso alla cittadinanza italiana affronta una questione importante, carica di risonanze storiche, simboliche e persino psicologiche, ma rischia di perdere di vista un aspetto altrettanto cruciale (...)
Data: 
© FCSF – Popoli, 1 agosto 2013
Tag: 
2013. Mediterraneo a fumetti
Data: 
2013
Tag: 
Un gesuita francese tra i filippini in Algeria: anche questa è missione
Roland Doriol è un gesuita che ha trascorso 15 anni nelle Filippine, lavorando come cappellano tra i marinai e le loro famiglie. Per alcune settimane è stato in Algeria, incontrando filippini e scoprendo un volto attuale della missione.

Tag: 
Welcome to Europe
Oggi la mappa del continente è costellata di centri di detenzione per immigrati irregolari, risultato di una criminalizzazione del fenomeno. Il limes meridionale e quello orientale sono sempre più pattugliati dall’agenzia comunitaria Frontex. Ma per chi varca la frontiera ci sono, secondo stime del 2010, 250 centri di detenzione, con circa 32mila posti.
«I centri per la detenzione degli immigrati sono un’opzione sempre più diffusa nell’Ue» - osserva Christophe Renders, gesuita responsabile del Jrs in Belgio -. Qui esistono dal 1988 e sono dieci, con tempi massimi di detenzione di cinque mesi». Uno studio del Centro Peublos Unidos dei gesuiti a Madrid descrive e denuncia la situazione in Spagna, Paese che per dimensioni e posizione geografica può essere paragonato all’Italia. Madrid gestisce nove Centros de internamiento, sei sul continente e tre alle Canarie, dove il tempo massimo di trattenimento è 60 giorni. Dai centri sono passate oltre 16mila persone e solo poco più di metà di esse sono state espulse. Le espulsioni sono in calo come conseguenza dei respingimenti prima che l’immigrato varchi il confine, in mare o lungo le frontiere di Ceuta e Melilla.
Questo trend globale e i costi umani che comporta sono temi che il Jrs Europa segue da vicino con studi, attività di advocacy e proposte alternative.


Data: 
2 novembre 2011
Tag: 
<< < | ... | 1 | 2 | 3 | ... | > >> Pagina 1 di 3
© Popoli. Tutti i diritti riservati
powered by EasyNETcms