Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
repubblica centrafricana
Record trovati: 12
L’emergenza umanitaria continua in Centrafrica
La crisi politico-militare scoppiata un anno fa ha provocato un’emergenza umanitaria gravissima. Secondo l’Acnur sono più di un milione gli sfollati interni e i rifugiati. I campi profughi vivono in condizioni terribili. La testimonianza di un medico dell’Ong Medici senza frontiere.

Data: 
3/3/2014
Tag: 
Dieudonné Nzapalainga
«In Centrafrica abbiamo l’abitudine di rispettare le differenti religioni. Natale e ramadan sono feste per entrambi. Dobbiamo insieme ricostruire il Paese e il suo tessuto sociale. La pace non ha prezzo»
Fascicolo: 
febbraio 2014
Tag: 
Centrafrica, il dramma degli sfollati
A un mese dall’arrivo di militari francesi e a pochi giorni dalle dimissioni del presidente ad interim, la situazione umanitaria nel Paese africano è sempre grave. Migliaia di sfollati e rifugiati fuggono dalle violenze delle milizie. Popoli.info ne ha parlato con Jaime Moreno,direttore del Jrs a Bangui.

Data: 
14/01/2014
Tag: 
Africa: nuovo anno, vecchie guerre
L’anno si è aperto con l’aggravarsi della crisi in Sud Sudan e in Centrafrica. Due conflitti che rischiano di protrarsi nel tempo sommandosi a quelli già in atto in Somalia (dove si combatte da più di 20 anni), in Libia e nel Mali.

Data: 
3/1/2014
Tag: 
David e Joséphine, le vittime di una guerra insensata
Data: 
12 novembre 2013
Tag: 
Repubblica centrafricana, anatomia di una crisi
Dopo il colpo di Stato di marzo, le milizie formate da musulmani provenienti dalle regioni settentrionali e da mercenari ciadiani, sudanesi e nigeriani, hanno continuato a saccheggiare il Paese. In risposta, i villaggi hanno creato gruppi di autodifesa, composti da cristiani. Lo scontro rischia così di assumere una connotazione religiosa. Ma dietro potrebbero nascondersi altri interessi.

Data: 
12 novembre 2013
Tag: 
Centrafrica, le violenze continuano
Dopo il golpe di marzo che ha rovesciato François Bozizé, il Paese continua a essere in balia dei miliziani stranieri che sostengono il nuovo «uomo forte» Djotodia. A essere presi di mira, oltre alla popolazione, anche i religiosi cattolici. Come testimonia un missionario a Popoli.info.

Data: 
28 agosto 2013
Tag: 
I vescovi centrafricani: la crisi è drammatica
In un documento scritto al termine dell’assemblea ordinaria, la conferenza episcopale, a tre mesi dal golpe, denuncia uno stato di instabilità, violenza e di conflitto con la componente musulmana. I prelati chiedono che si apra un processo di riconciliazione e di dialogo soprattutto con gli islamici.

Data: 
27 giugno 2013
Tag: 
Non c'è pace per il Centrafrica
A poco più di un mese dalla presa di Bangui da parte dei ribelli di Séléka, continuano le violenze e i saccheggi. A farne le spese sono i civili e, in particolar modo, i religiosi cattolici. Il vescovo di Bangui lancia un appello ai nuovi dirigenti affinché non permettano che il colpo di Stato si trasformi in una guerra di religione.

Data: 
9 maggio 2013
Tag: 
Centrafrica, cosa nasconde l’instabilità?
La presa di potere dei ribelli del Seleka ha gettato il Paese nel caos. Per la prima volta, dopo anni di colpi di Stato, le violenze hanno colpito anche i religiosi cattolici. E si teme che il golpe nasconda un tentativo di islamizzazione della regione centrafricana.

Data: 
17 aprile 2013
Tag: 
<< < | ... | 1 | 2 | ... | > >> Pagina 1 di 2
© Popoli. Tutti i diritti riservati
powered by EasyNETcms