Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Chiesa cattolica - Relazioni stato-chiesa
Record trovati: 15
Dove Papa Roncalli imparò l'arte del dialogo

Domenica 27 aprile - insieme a Karol Wojtyla - verrà proclamato santo Giovanni XXIII. Qui ripercorriamo una fase decisiva della vita di Angelo Roncalli: il periodo come diplomatico vaticano che - specie in Turchia - ha plasmato profondamente il suo modo di vivere il dialogo con i credenti di altre religioni. L'articolo è pubblicato nel numero di aprile di Popoli e firmato da Maria Grazia Zambon, autrice di un libro sul tema.

(nella foto, Angelo Roncalli - quinto da destra - con il clero latino di Istanbul, nel giugno 1935)

Data: 
22/04/2014
Tag: 
Meeting between Obama and Francis follows Vatican template
The meeting of President Barack Obama and Pope Francis went smoothly, even though there were a couple of bumps in the road. As is understandable, the media focused on the bumps while the Obama administration stressed areas of agreement.
Data: 
28 marzo 2014
Tag: 
How will Obama's visit with Pope Francis go?
The leaders of two of the world's superpowers, one political and the other spiritual, will meet in Rome on Thursday. As with any important international meeting, the media will focus on areas of conflict, and liberals and conservatives will try to spin the results to support their causes.

Data: 
21 marzo 2014
Tag: 
Cina: il vescovo recluso e quei cattolici che resistono
Nel corpo ecclesiale della Cina si riaprono antiche ferite e viene minata la fiducia tra i fedeli, riportati alle vecchie diatribe che volevano identificare la qualità dei credenti in base al rapporto intrattenuto con l’Associazione patriottica o con il movimento clandestino
Fascicolo: 
novembre 2012
«Il Libano è un messaggio di libertà, il papa ci aiuterà a difenderlo»
Dal 14 al 16 settembre Benedetto XVI si recherà a Beirut, una visita delicata per la situazione interna libanese e per la vicina tragedia siriana. Salim Daccache, gesuita e neorettore della Usj di Beirut, la più grande Università cattolica nel mondo arabo, descrive le aspettative nel Paese mediorientale.

Data: 
12 settembre 2012
Tag: 
Riforma sanitaria Usa: i vescovi, i gesuiti e Obama

L’episcopato statunitense si è schierato apertamente contro il presidente Obama e la sua riforma sanitaria. I vescovi accusano il governo di violazione della libertà religiosa, sostenendo che la riforma costringe la Chiesa e i suoi fedeli ad agire perennemente contro i propri principi. In particolare i prelati ritengono che il riassetto sanitario non salvaguardi il diritto all’obiezione di coscienza nei casi di aborto e prescrizioni contraccettive, nemmeno negli ospedali cattolici.
In un editoriale di inizio marzo i gesuiti di America, voce del cattolicesimo «liberal», prendono invece la difesa del governo. Secondo l’editoriale il modo migliore per tutelare la libertà (anche quella religiosa) è rendere autonome e consapevoli le scelte dei fedeli, mentre servono a poco le prese di posizioni delle gerarchie. I vescovi, secondo America, avrebbero sbagliato nei modi poco pastorali, rivolti non all’opinione pubblica ma alle stanze del potere, dimostrandosi, in questo senso, attenti più alla politica che alla religione. L'articolo - sottolineando le mediazioni che sono state raggiunte nella discussione della legge - richiama anche le parole del pontefice: «La dottrina sociale della Chiesa non vuole conferire un potere sullo Stato. Né vuole imporre a coloro che non condividono la fede prospettive e modi di comportamento che appartengono a questa».
L’articolo ha suscitato un certo dibattito nella comunità cattolica Usa ed è arrivata una risposta ufficiale all’editoriale da parte di monsignor William E. Lori, vescovo di Bridgeport e responsabile del Comitato per la libertà religiosa della Conferenza episcopale statunitense.

Tag: 
Eventi : Primavera cubana
Dopo la storica visita di Giovanni Paolo II nel 1998, a fine marzo un pontefice e un Castro si incontreranno di nuovo. Molte cose sono cambiate: i protagonisti principali e soprattutto gli spazi di libertà della Chiesa locale, grazie al sapiente ruolo di mediazione svolto dal cardinale Ortega. Eppure all’orizzonte resta qualche nuvola
Fascicolo: 
marzo 2012
Tag: 
Islam d'Europa
Un viaggio nel Vecchio continente per conoscere e comprendere le sfide rappresentate dalla crescente presenza di cittadini e immigrati musulmani. In questo "Speciale" trovate gli approfondimenti su Belgio, Spagna, Germania, Francia, Albania e Gran Bretagna, pubblicati su Popoli negli ultimi mesi. In una prossima "puntata" il nostro viaggio si concluderà in Italia.
Tag: 
Où en sont les relations entre la Chine et l’Église catholique?

Cina e Chiesa cattolica oggi si parlano. Ma come sta avvenendo questa apertura «alla cinese»? In che modo la rivoluzione economica e sociale che vive oggi la Cina influenza i valori religiosi della sua popolazione? Michel Marcil, gesuita che dirige lo US Catholic China Bureau, sulla rivista canadese Le Brigand (gesuiti del Québec) fa il punto sulla situazione a quattro anni dalla lettera pastorale di Benedetto XVI indirizzata ai cattolici cinesi. Le Brigand (Canada), octobre-décembre 2010.

http://www.jesuites.org/Brigand504-3.pdf

Tag: 
Cosa dare a Cesare, cosa a Dio?
«Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio». Come intendere e vivere, da cristiani, questa indicazione? Cosa va a Cesare se a Dio si deve dare quello che è «suo», ovvero tutto?
 
Dario Bertacchini
Milano

L'uomo non è un rapace, che caccia da solo o in branco. (...)
Data: 
© FCSF – Popoli, 1 agosto 2010
Tag: 
<< < | ... | 1 | 2 | ... | > >> Pagina 1 di 2