Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Articolo
Abbondanza di merci, carestie di felicità
Se l’essere umano si realizza quando vive relazioni portatrici di senso, allora un’economia che propone un tipo di individuo (il «consumatore») che è tanto più libero e felice quanto meno è legato agli altri da rapporti profondi, non può essere l’economia di domani
Fascicolo: 
febbraio 2008

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE