Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Articoli trovati:6
  • Il grande regista iraniano racconta se stesso, il suo modo di fare cinema e, le nuove sperimentazioni. E dalle sue parole emerge un rapporto complesso con il proprio Paese.
    Fascicolo: 
    marzo 2004
    Tag: 
  • Il senso della vita e della missione in terra d'Africa. Una riflessione sull'incontro e il cammino con Dio cristiano che dà nuova speranza a popoli che la storia ha reso fatalisti e incerti. Una fede che contribuisce a dare una nuova identità agli africani in cerca di riscatto.
    Fascicolo: 
    marzo 2004
    Tag: 
  • Donne che vivono e lottano per i propri diritti e quelli dei propri figli, in situazioni esistenziali difficili e tra secolari discriminazioni. Ma anche volti e azioni che fanno parte dell'innarrestabile progresso di un mondo mussulmano vasto e diversificato che non si può ridurre a stereotipi.
    Fascicolo: 
    marzo 2004
    Tag: 
  • Le bellezze e i drammi di un Paese straordinario nel racconto di un gesuita italiano, che ha svolto alcuni mesi di esperienza missionaria in Venezuela. Quasi un diario in cui trovano posto l'analisi della situazione politica, le meraviglie della natura, le riflessioni spirituali ma anche, e soprattutto, l'incontro indimenticabile con un popolo ricco di umanità.
    Fascicolo: 
    marzo 2004
    Tag: 
  • Come segretario generale della Caritas di Gerusalemme, Claudette Habesch ha un'esperienza diretta dell'impatto del conflitto israelo-palestinese sulla vita dei singoli e delle famiglie in Palestina. Dopo essere intervenuta alla conferenza internazionale della Società civile a sostegno del popolo palestinese, organizzata dalle Nazioni Unite a New York il 4-5 settembre, ci ha parlato degli ostacoli alla pace secondo la prospettiva di una palestinese cristiana che ha vissuto tutta la vita a Gerusalemme.
    Fascicolo: 
    marzo 2004
  • "Vietare il chador in quanto simbolo religioso non è una esigenza imposta dal "rispetto della laicità", ma è un atto di intolleranza imposto da una ideologia "laicista"".
    Fascicolo: 
    marzo 2004