Home page
Webmagazine internazionale dei gesuiti
Cerca negli archivi
La rivista
 
 
 
Pubblicità
Iniziative
Siti amici
Religioni - islam
Record trovati: 209
Dossier : Monaci di Tibhirine
Nel maggio di dieci anni fa, in Algeria, sette trappisti cadevano sotto i colpi degli integralisti islamici, testimoni di un'autentica fede in Dio e di una profonda amicizia verso il popolo algerino. Ma quale eredità spirituale hanno lasciato alla Chiesa universale? E come il dialogo islamocristiano può oggi trarre ispirazione dalla loro testimonianza? Nell'anniversario della scomparsa, Popoli ne ricorda il martirio cercando nelle loro parole e in quelle di chi li ha conosciuti un germe di speranza per un mondo che sembra lacerarsi in un inutile scontro di civiltà.
Fascicolo: 
maggio 2006
Tag: 
India: I miei incontri nelle madrasa
Le madrasa, o scuole religiose islamiche, sono spesso accusate di seminare odio e secessionismo. Non va però dimenticato il ruolo positivo che esse hanno avuto nella vita dei musulmani nel mondo e per favorire l'unità della nazione indiana. La testimonianza di un gesuita
Fascicolo: 
maggio 2006
Tag: 
Le vignette secondo Samir
Il caso delle vignette satiriche su Maometto ha suscitato proteste e violenze nel mondo musulmano. Riflettiamo sulla vicenda con uno dei massimi islamologi viventi, il gesuita egiziano Samir Khalil Samir: egli stesso si definisce parte di quella civiltà arabo-islamica di cui però non teme di denunciare limiti e contraddizioni. "Perché il dialogo - dice - è fatto di verità e carità"
Fascicolo: 
aprile 2006
Tag: 
Brunetto Salvarani, il coraggio di incontrare l'"altro"
E' una figura significativa del dialogo interreligioso in Italia. Studioso e "praticante" del dialogo, Brunetto Salvarani ha al suo attivo un lungo percorso culminato nell'organizzazione della Giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico, un evento annuale di rilievo. In questa intervista gli abbiamo chiesto di ricostruire la storia del dialogo tra le due grandi fedi monoteiste in Italia e di fare il punto sulla situazione attuale
Fascicolo: 
marzo 2006
Tag: 
Matrimoni cattolici-musulmani : Rischio da evitare?
Un testo diffuso già lo scorso aprile dalla Conferenza episcopale italiana (Cei), ma ripreso dai mass media solo a fine 2005, si occupa dei matrimoni tra cattolici e musulmani. E' possibile una via intermedia tra il rifiuto assoluto e l'ingenua sottovalutazione di forti differenze culturali e religiose? Quale, al di là delle polemiche strumentali, l'effettivo contenuto del documento Cei? Ne abbiamo parlato con due sacerdoti coinvolti con lo studio dell'islam e il mondo dell'immigrazione
Fascicolo: 
febbraio 2006
Tag: 
Abu Zayd : Diritti umani e islam, binomio possibile
Nasr Hamid Abu Zayd è un professore egiziano che attualmente insegna nelle Università di Leida e di Utrecht (Olanda), dove vive dopo essere stato costretto a abbandonare la sua cattedra al Cairo e il suo Paese perché accusato di "apostasia" e dichiarato per questo "divorziato" d'ufficio dalla moglie. Studioso innovatore di esegesi coranica, ha cercato di applicare una lettura storicistica al testo sacro. Recentemente ha svolto una serie di conferenze in Italia per conto del governo olandese. A milano ha tenuto una lezione agli studenti dell'Università statale
Fascicolo: 
gennaio 2006
Tag: 
Donne e progresso nel segno dell'Islam
Donne che vivono e lottano per i propri diritti e quelli dei propri figli, in situazioni esistenziali difficili e tra secolari discriminazioni. Ma anche volti e azioni che fanno parte dell'innarrestabile progresso di un mondo mussulmano vasto e diversificato che non si può ridurre a stereotipi.
Fascicolo: 
marzo 2004
Tag: 
Papa Francesco in Turchia: "Una terrazza per parlare di vita"
Il viaggio di papa Francesco in Turchia tra il 28 e il 30 novembre suscita grandi attese per ciò che rappresenta nel dialogo ecumenico e con il mondo islamico. Claudio Monge, teologo della comunità domenicana di Istanbul, ne illustra alcuni significati.
Data: 
25/11/2014
Tag: 
"Non ci sono più cristiani a Mosul"
Uccisi, depredati o, nel migliore dei casi, cacciati da una città che abitavano da (almeno) 1.400 anni: è il destino dei cristiani di Mosul, la seconda città dell'Iraq, travolta dall'offensiva dei terroristi dell'Isis (Stato islamico dell'Iraq e del Levante). Una situazione che ha spinto i vescovi a lanciare l'ennesimo grido di allarme al governo di Baghdad e alla comunità internazionale. (Nella foto la lettera araba equivalente alla N di Nazareni, con cui i terroristi sunniti hanno segnato le case dei cristiani di Mosul)

Data: 
24 luglio 2014
Tag: 
<< < | ... | 21 | ... | > >> Pagina 21 di 21